anpinizzalingotto

A.N.P.I Sez. "G. Perotti – A. Appendino" Nizza Lingotto Millefonti Filadelfia (Torino)

20121105 Comunicato Stampa sullo sgombero di Via Verdi a Torino

Posted by anpinizzalingotto su 5 novembre 2012

Il comitato di sezione sottoscrive il comunicato della sez ANPI di Bussoleno-Chianocco del 30.10.2012

Ci uniamo nel sottolineare la nostra preoccupazione per la mancanza concreta di una risposta alla sempre più crescente richiesta di abitazioni, che in tempo di crisi, studenti, lavoratori e precari faticano ad avere, e a cui sempre più spesso il sindaco di Torino e la sua Giunta oppongono le forze dell’ordine come risposta ultima e unica ad una delle principali esigenze primarie.

Come ANPI non intendiamo rimanere indifferenti a questi continui attacchi ai diritti democratici sanciti dalla costituzione.

Riteniamo inoltre indecorose e preoccupanti per un paese civile le procedure di sgombero messe in atto contro gli studenti della Verdi15 come il differente trattamento rivolto agli studenti stranieri rispetto a quelli Italiani o addirittura la divisione in studenti “bianchi” e “neri”. Questi sono metodi che sviliscono la nostra Costituzione e gli ideali della Resistenza.

Articolo 34 “La scuola e aperta a tutti…. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.”

Articolo 3 “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”

Difronte a queste continue azioni, lesive di fatto dei principi costituzionali, la sezione esprime la piena solidarietà a TUTTI i ragazzi della Verdi 15 occupata aderendo e sottoscrivendo l’appello: “Il diritto allo studio non si sgombera”.

Sollecitiamo inoltre l’apertura di un dibattito sulla situazione studentesche e sull’emergenza abitativa. Auspicando che i comitati ANPI provinciale e regionale prendano una netta posizione sui crescenti tagli che di fatto riducono il diritto allo studio ad un privilegio per pochi unendosi alla richiesta di studenti e docenti per una nuova legge su scuola e università più equa.

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: